Archive for the 'Danza' category

Il tempo del ritorno

30 Marzo 2016 4:40

Il tempo del ritornoSabato 2 aprile, alle 20,30, prende avvio al Teatro Palladium la prima edizione della rassegna Aprile in danza, un nuovo spazio che l’Università Roma Tre dedica specificamente alla danza contemporanea. Per l’occasione l’associazione culturale Excursus presenta Il tempo del ritorno di Benedetta Capanna, una suite di tre diversi lavori della coreografa, uno dei quali raccontato attraverso il linguaggio filmico.

Show me more… »

Momix – Passion

23 Gennaio 2008 10:54
MOMIX
"PASSION"

uno spettacolo di

MOSES PENDLETON
con musiche di
PETER GABRIEL
coreografia
MOSES PENDLETON
«PASSION» colonna sonora del film «L’Ultima Tentazione di Cristo» di Martin Scorsese:
The Feeling Begins – Gethsemane – Of These, Hope – Lazarus Raised – Of These, Hope (Reprise) –
Doubt – A Different Drum – Zaar – Troubled – Open – Before Night Falls – With This Love – Sandstorm –
Stigmata – Passion – With This Love (Chorus) – Wall of Breath –
The Promise of Shadows – Disturbed – It Is Accomplished – Bread and Wine.
Brani musicali composti da Peter Gabriel eccetto:
“Open” di Peter Gabriel e Shankar,
“Stigmata” di Peter Gabriel e Mahmoud Zadeh.
Torna in Italia da febbraio  – “Passion” –  lo spettacolo considerato unanimamente
 uno dei capolavori della Compagnia.

Nel 1992 i Momix presentano “Passion” – lo spettacolo che fonde la danza e le immagini spirituali e surrealiste di Moses Pendleton alle musiche di Peter Gabriel.
Passion è infatti uno spettacolo ballato sulla colonna sonora composta da Peter Gabriel per il film di Martin Scorsese “L’ultima tentazione di Cristo” tratto dal romanzo di Nikos Kazantzakis – che in breve tempo diventa un successo mondiale.
Ritmi medio- orientali e synthetizer con una coreografia mistica ed intimista. La musica di Gabriel sposa alla perfezione l’evocazione mistica e surrealista di Pendleton.
Sul palco, su uno schermo trasparente bianco vengono proiettate immagini tratte dalla cosmologia e dalla tradizione Cristiana e orientale.
Dietro di esso, i ballerini eseguono coreografie atletiche e sinuose, si muovono nello stile felpato ed atletico caratteristico di MOMIX, in una perfetta sincronia di danza ed immagini, in un groviglio di corpi esaltati ai massimi livelli da costumi ridotti all’essenziale.

PASSION – LO SPETTACOLO

Il primo quadro della serata è all’insegna dell’esoterismo e del misticismo.
Lo spettacolo si apre con l’immagine dell’albero della vita e con i ballerini che creano delle figure che sembrano animarlo.
L’albero della vita può avere significati legati sia alla Cabala che lo interpreta come simbologia della creazione del mondo, sia nell’accezione di pianta della conoscenza del bene e del male che si trova nel giardino dell’Eden.
Le molte immagini di alberi che vengono presentate, sono un tributo alla natura ma anche una citazione della poetica medievale e rinascimentale, dove la croce di Cristo è metaforicamente rappresentata da un albero. Figure, forme ed archetipi emergono da un vasto cosmo assieme ai simboli della terra, dell’aria, dell’acqua e del fuoco, quelli della religione Cristiana (Cristo, Maria Maddalena), dell’Oriente (Buddha, Shiva) e di civiltà precolombiane (Maya). Vi fa seguito un’evocazione della spiritualità umana nella sua universalità, aldilà delle frontiere e delle religioni.
Moses Pendelton tratta la religione attraverso una visione legata alla cristianità e alla filosofia orientale, probabilmente ispirandosi alle concezioni del Mahatma Gandhi, il quale definiva la religione come un albero dai molti rami: se si guardano i rami si vedono tante religioni ma se si guarda l’albero si vede una religione unica.

Nel finale lo schermo si affolla di figure angeliche mentre i danzatori manipolano delle aste flessibili che appaiano dalle loro schiene come se fossero delle ali. Con esse i ballerini creano dei circoli, allegoria dell’eternità nell’arte sacra, contrapposti all’immagine dell’orologio che sfuma via via nell’immagine di una stella. 
A interpretare “Passion” sono solo sei ballerini, sei danzatori ma anche sei autentici atleti capaci di creare immagini surreali e illusioni ottiche perpetuando i “giochi coreografici” di lontana ispirazione futurista e la scuola americana di Alwin Nikolais.
Al pubblico è richiesto di uscire dalla realtà per entrare in un mondo di illusioni ove i corpi sono sottoposti a perenne trasformazione. Queste visioni devono essere vissute emotivamente, non razionalmente, in modo da consentire alla sensualità di quelle forme di penetrare in noi.

MOMIX LA COMPAGNIA

Conosciuti in tutto il mondo per le sue opere  di eccezionale inventiva e bellezza, i Momix sono una compagnia di ballerini-illusionisti diretta da Moses Pendleton, che sin dalla fondazione ha ottenuto grande notorietà per la sua capacità di evocare un universo di immagini surreali utilizzando corpo, costumi, attrezzi e giochi di luci e ombre.

La compagnia prende il nome da un assolo ideato da Pendleton – al tempo membro dei Pilobolus Dance Theatre – per i Giochi Olimpici invernali di Lake Placid nel 1980. Nel corso di questi anni, Nel corso degli anni la formazione e il numero dei danzatori hanno subito diversi mutamenti, ma l’impegno di sviluppare l’arte della danza e di diver­tire il pubblico è rimasto immutato.
Nel 1992, MOMIX presenta "PASSION" che diventa in breve tempo un successo mondiale. Si tratta di uno spettacolo ballato sulla colonna sonora, composta da Peter Gabriel. Lo stesso anno la celebre squadra di Baseball "San Francisco Giants" affida a MOMIX la realizzazione di una coreografia per un’inaugurazione. Darà nascita al nuovo spettacolo chiamato, appunto,"BASEBALL" (1994). Nel febbraio 1996 debutta a Milano lo spettacolo "SUPERMOMIX". Per la fine del millennio, “SUPERMOMIX” e “PASSION” (chiamato "PASSION 2000") vengono rinnovati.

La compagnia ha spesso realizzato progetti speciali come pure televisivi. In Italia, è  apparsa in produzioni RAI trasmesse in mondovisione. Ha inoltre partecipato al programma "Omaggio a Picasso" a Parigi ed è stata scelta per rappresentare gli USA al Centro Culturale Europeo di Delfi, ha preso parte a numerose convention tra cui nel luglio 1999, MOMIX, forte per la circostanza di ben 15 ballerini, ha effettuato una serie di spettacoli nel complesso del Lingotto a Torino, in occasione delle cerimonie del Centenario di FIAT AUTO, con un programma interamente inedito. Nel febbraio 2001 presentano la prima mondiale del nuovo spettacolo “OPUS CACTUS” al Joyce Theatre di New York, subito osannato dalla critica mondiale. Record assoluto di pubblico nei paesi dove è stato rappresentato questi ultimi anni.
Oltre alle annuali apparizioni al Joyce di New York, la compagnia si esibisce in tutto il mondo effettuando tournée in Canada Spagna, Italia, Grecia, Francia, Inghilterra, Austria, Svizzera, Irlanda, Olanda, Portogallo, Argentina, Brasile, Russia Australia e tutto l’Oriente.
MOMIX nel 2005 ha compiuto 25 anni di vita. Lo spettacolo Sun Flower Moon è nato per festeggiare l’avvenimento.


DATE TOUR nazionale


1 e 2 FEBBRAIO            RIMINI        STADIUM 105
4 e 5 FEBBRAIO             BOLOGNA         EUROPAUDITORIUM
8 e 9 FEBBRAIO            ASSISI        TEATRO LYRIC
16 e 17 FEBBRAIO            GALLARATE     TEATRO CONDOMINIO
dal 19 al 24 FEBBRAIO        GENOVA        POLITEAMA GENOVESE
dal 26 FEBBRAIO al 2 MARZO    NAPOLI        TEATRO BELLINI
dal 4 al 16 MARZO            ROMA        TEATRO OLIMPICO

Galà per l’infanzia 2007

10 Novembre 2007 2:19
ELISABETTA ARMIATO
Prima Ballerina Interprete del Teatro alla Scala

ANNUNCIA L’ADDIO ALLA DANZA PER DIVENIRE  LA MADRINA DELLA CAMPAGNA CULTURALE “PERCHE NON ACCADA”  IL 12 NOVEMBRE A ROMA IL GALÀ PER L’INFANZIA 2007

Elisabetta Armiato, Prima Ballerina Interprete del Teatro alla Scala, annuncia il suo “addio alla danza”, proprio dal Teatro alla Scala, che l’ha vista, bambina, muovere i primi passi nella Scuola di Ballo della Scala, fino a diventare protagonista dei più importanti ruoli del repertorio classico e contemporaneo. Elisabetta lascia le scene per dedicarsi allo scopo umanitario della campagna culturale “perchè NON accada”, per la tutela dell’infanzia e della società futura.

“ Festeggio nel mio Teatro, dove ho danzato per più di trent’anni, l’addio alla danza. – racconta Elisabetta – “Il mio intento é difendere e diffondere, il messaggio  culturale della campagna “perché non accada”: -I nostri bambini hanno bisogno di sogni in cui credere per ritrovare se stessi; questo è il cuore del problema- I bambini di  oggi, gli uomini di domani, devono avere ancora la possibilità di vivere un futuro di bellezza e gioia creativa.”
Nata da un’iniziativa promossa da varie associazioni non profit, la campagna “Perchè NON accada” vuole fornire un’ampia e dettagliata informazione sul tema ADHD (letteralmente: ”attention deficit hyperactivity disorder”, disturbo da deficit di attenzione e iperattività. In sintesi, un insieme di comportamenti che un gruppo d’esperti ha decretato, tramite voto di maggioranza, essere una specifica malattia), ma soprattutto, offrire strumenti di valutazione indispensabili affinché ognuno possa farsi un’opinione e decidere in modo informato e responsabile se l’ADHD è una malattia o un artefatto.

perchè NON accada si propone di impedire che vengano effettuati screening psicopatologici di massa tra i bambini (a partire già dalle scuole materne) e vuole evitare che, senza una completa informazione, si affermi anche in Italia una “cultura”, in assenza di prove scientifiche oggettive, che identifica disattenzione e iperattività dei bambini come “malattia ADHD”. Una volta di un bambino vivace si diceva “che ha l’argento vivo addosso”, oggi lo si “etichetta” come “iperattivo”,  passibile di essere curato con potenti psicofarmaci.

perchè NON accada organizza il “Gala per l’infanzia”, lo spettacolo che si terrà lunedì 12 novembre al Teatro dell’Opera di Roma (patrocinato dal Comune di Roma) e che vedrà Elisabetta Armiato in veste di madrina della serata.  Ad affiancarla ci saranno anche artisti di fama internazionale, rappresentanti della musica, del canto, della danza, del teatro, del cinema, (diretti dal light designer, regista e coordinatore artistico Pepi Morgia), quali Giovanni Allevi, Daniela Dessì, Manuel Frattini, Giorgio Gaslini, Mogol, Raffaele Paganini,  i Pooh,  Ron e Luciana Savignano.

Il prezzo d’ingresso alla serata è di 100,00 euro (platea e palchi centrali 1° e 2° ordine), 70,00 euro (palchi di platea e 1°ordine laterali), 45,00 euro (palchi di 2°ordine laterali e balconata prima fila), 25,00 euro (palchi 3°ordine e balconata 2° e 3° fila) e 15,00 euro (galleria).

Giornate Europee del Patrimonio 2007

28 Settembre 2007 8:40

piedi ballerinaIl 29 e il 30 settembre 2007 l’Italia partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio con “Le grandi strade della cultura: un valore per l’Europa”.

Per due giorni l’Italia si trasformerà in un grande teatro aperto gratuitamente a tutti, dove centinaia di palcoscenici, sparsi in ogni regione, metteranno in scena, con più di mille appuntamenti, la bellezza, la storia, la cultura del nostro paese.

Ecco le informazioni sullo spettacolo di danza che si svolgerà presso il Civico Museo Archeologico di Milano.

29 settembre 2007
Performances tra le più emblematiche opere sculturee esposte al museo

Durante le Performances si avrà modo di ascoltare letture di natura teatrale, ispirate alle opere esposte e interpretate da due giovani attrici del Piccolo Teatro di Milano e di assistere alle coreografie di danza contemporanea. Musiche di sottofondo evocheranno in chiave contemporanea suoni e segni dei grandi temi della civiltà classica. Concluderanno la serata Donatella Caporusso e Massimiliano Finazzer Flory.

Civico Museo Archeologico di Milano
Corso Magenta, 15 – Milano
Ingresso libero

Orario: 20.30, 21.30, 22.30
Telefono: 02 88465720
E-mail: museo.archeologico@comune.milano.it

Promosso da:
Civico Museo Archeologico di Milano in collaborazione con Studio progetto culturale MO.MA

Festival Nazionale Scuole di Danza Classica

24 Aprile 2007 7:58

Gubbio – Teatro Comunale
28 aprile/6 maggio 2007

Nel settecentesco Teatro Comunale di Gubbio si terrà dal 28 aprile al 6 maggio 2007 la XXVI edizione del Festival Nazionale delle Scuole di Danza Classica. L’organizzazione è a cura della Scuola di Danza Classica “Città di Gubbio”.
11/04/07 – Nel settecentesco Teatro Comunale di Gubbio si terrà dal 28 aprile al 6 maggio 2007 la XXVI edizione del Festival Nazionale delle Scuole di Danza Classica. L’organizzazione è a cura della Scuola di Danza Classica “Città di Gubbio”.
Il Festival rappresenta un importante momento di confronto per gli allievi delle scuole di danza di tutta Italia e offre ai partecipanti la possibilità di esibire il proprio talento in un teatro vero.
Il Festival, nato come manifestazione itinerante, ha ormai trovato da quindici anni sede a Gubbio. Nel tempo ha mantenuto la sua formula originale e unica. Si tratta infatti di un festival gratuito in cui non viene decretato nessun vincitore.
Quest’anno per festeggiare il 26° compleanno, al Festival verranno affiancate una rassegna di costumi storici e una mostra fotografica sulla danza in Italia. Verranno inoltre assegnate due borse di studio e sono previste delle speciali lezioni sul palcoscenico.

Ospiti di questa edizione del Festival fondato dal Maestro Renato Fiumicelli, noto ballerino e coreografo, saranno la Scuola del Teatro dell’Opera di Vienna e la Scuola di Danza del Teatro di San Carlo di Napoli.

La filosofia della Scuola di Danza “Città di Gubbio”, nata nel dicembre del 1983 per volontà di un gruppo di genitori, appassionati e cultori della danza, è quella di far studiare gli allievi all’interno di una struttura altamente qualificata a livello professionale.
Nel 1984 il Comune di Gubbio diventa ente patrocinatore della scuola, che è progressivamente cresciuta fino ad ospitare come quest’anno più di 200 allievi.

Scuola di Danza
Città di Gubbio
Tel/Fax 075 9271668
www.gubbiodanza.it

Junior Balletto di Toscana – Stili con Stile

26 Marzo 2007 10:44

TEATRO DA PONTE – VITTORIO VENETO
Mercoledì 28 marzo ore 20.45

Compagnia giovanile
JUNIOR BALLETTO DI TOSCANA
diretta da Cristina Bozzolini

STILI CON STILE

coreografie d’autore  Bigonzetti, Monteverde, Scagliano, Benedetti
musica  Pärt, Pergolesi, Rossini, Collima, Massive Attack, Sakamoto

Mercoledì 28 marzo alle ore 20:45 al Teatro Lorenzo Da Ponte di Vittorio Veneto, andrà in scena lo spettacolo “Stili con Stile” interpretato dalla compagnia giovanile Junior Balletto di Toscana, diretta da Cristina Bozzolini, con la collaborazione di Silvia Chirico, maître de ballet ed assistente alle coreografie.
La compagnia costituisce la struttura produttiva di tirocinio professionale  della Scuola del Balletto di Toscana. Parzialmente sostenuta e riconosciuta dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze, rappresenta una qualificata occasione di debutto sulle scene, con modalità strettamente professionali, sia artistiche che tecniche ed organizzative, per un selezionato organico (in media 16/18 giovani danzatori) tra i 16 ed i 20 anni, di promettente talento, espressione dei livelli qualitativi dei corsi superiori di formazione professionale del Dipartimento Danza Classica e del Dipartimento Danza Modern-Jazz e Contemporanea della Scuola di Balletto della Toscana, a conferma delle eccellenti capacità formative di quella che è una delle migliori e più innovative scuole italiane di danza. Il programma artistico richiama la linea culturale della formazione del Balletto di Toscana, con l’affermazione del primato della coreografia e della danza pura, articolata per linee trasversali in una pluralità di linguaggi espressivi, dal neo-classico al contemporaneo, al modern-jazz ed all’hip-hop, sempre valorizzata dalla creatività sia di autori di grande prestigio, nazionale ed internazionale, che emergenti di talento.
Il repertorio della Compagnia include coreografie di Roberto Sartori (Allegro, moderato), Fabrizio Monteverde (Pergolesi suite, Barbablù, Notturno), Arianna Benedetti, coreografa residente nonché coordinatrice del Dipartimento Danza Modern-Jazz e Contemporanea della Scuola (Fuggente, Emozioni tre, Guaio), Mauro Bigonzetti, (Duetto inoffensivo). Di Eugenio Scigliano, uno dei più interessanti coreografi emergenti, la compagnia esegue Shabby, con musica di Arvo Pärt, mentre di Antonio Colandrea, danzatore solista di MaggioDanza ed apprezzato coreografo, porta sulla scena la coreografia  Bolscoe Spasimo su musica di Felix Mendelssohn,.
Recentemente per lo Junior Balletto di Toscana sono state allestite due nuove creazioni: Corsi e ricorsi di Walter Mattini, autore emergente di talento nonché valente solista dell’Aterballetto, e Senza musica di Cristina Rizzo, esponente di punta della danza di ricerca e sperimentazione, fondatrice e componente della formazione dei ‘Kinkaleri’. La Compagnia, oggi residente al Teatro di Rifredi di Firenze, è presente sulle scene toscane in collaborazione con la Fondazione Toscana Spettacolo e viene regolarmente invitata da importanti Teatri e Festival in tutta Italia.

Programma:

“Shabby”
coreografia di Eugenio Scigliano
musica di Arvo Part

“Notturno”
coreografia di Fabrizio Monteverde
musica di Savina Yannatou e G.B. Pergolesi

Passo a due del balletto “Barbablù”
coreografia di Fabrizio Monteverde
musica originale di Marco  Schiavoni

“Assisa”
coreografia di Arianna Benedetti
con la collaborazione di Luca Miniati
musica di John Zorn, Meredith Monk,
Wim Mertens, Balanescu Quartet
costumi di Santi Rinciari

 “Dust”
coreografia di Eugenio Scigliano
musica di F. Chopin

“Pariamm’ ”
coreografia di Arianna Benedetti
musica di Spaccanapoli “Pummarola Black”

danzano:
Daniele Ardillo, Bledi Bejleri, Alexandra Ben Karaa,
Claudio Costantino, Claudia D’Acquisto, Desirée Di Salvo,
Claudio Fabbro, Salvatore La Ferla,Vincenzo Lacassia,
Ivana Mastroviti, Marco Magrino, Alice Marchetti,
Anna Petrucci, Claudia Piana, Giulio Pighini, Isabella Pirondi,
Elsa Sabbatini, Valeria Vellei, Serena Vinzio
_________________________

BIGLIETTI: Da € 8.00 a € 27.00
Speciale giovani fino a 19 anni: € 8, per i posti disponibili in vendita dal giorno feriale precedente ogni spettacolo su presentazione di documento d’identità.
Biglietteria: da martedì a venerdì: 15.00 -18.00; sabato 10.00 -12.30.
Nei giorni di spettacolo: un’ora prima dell’inizio.
Pagamento in contanti, assegni, bancomat, carta di credito Mastercard e Visa.
Acquisto di biglietti al telefono: (0422 540480) da martedì a venerdì: 10.00 – 12.30.
Pagamento con carta di credito Mastercard e Visa.